DA TRE GENERAZIONI IMPEGNATI NELLA RICERCA

stemmi araldici e blasoni

Ogni famiglia, anche la più modesta, ha alle sue spalle una sua storia, un vissuto fatto di origini, luoghi e personaggi, mestieri e particolarità che la rendono unica, andando oltre quelle che sono le sue condizioni economiche e sociali. Recuperare la nostra storia, le nostre radici, in un tempo in cui tutto sembra effimero, può consentire ad ognuno di noi di riappropriarsi della propria identità uscendo fuori dall'anonimato, ritrovando e riscoprendo certezze su ciò che è stato veramente "nostro". Conoscere il passato ci permette di comprendere e vivere meglio il presente e affrontare con maggiore consapevolezza il futuro.

E conoscere ed indagare il passato è il grande obiettivo della Araldica, dell'Onomastica e della Genealogia, scienze sussidiarie della Storia in grado di documentare, attraverso una seria attività di ricerca e studio, l’eventuale esistenza di uno stemma di famiglia, spiegare il significato del cognome e ricostruire la vita e le attività delle generazioni che ci hanno preceduto.

OLTRE SETTANT'ANNI DI STUDIO E APPASSIONATA RICERCA - L'IMPEGNO DELL'AAGI.

A presentare e raccontare la storia dell' Associazione Araldica Genealogica Italiana, è il segretario Marco Di Bona, figlio dell'attuale direttore dell'AAGI.

«Nel 1939 la mia famiglia cominciò ad occuparsi di ricerche storiche, araldiche e genealogiche. Più tardi, nel 1975, vide la luce lo Studio Araldico Genealogico Italiano dal quale si sviluppò poi la Associazione Araldica Genealogica Italiana, istituita nel 1992 da mio padre che ne è tuttora Direttore. Nel corso di tutti questi anni il nostro patrimonio archivistico e bibliografico ha avuto un notevole incremento, abbiamo selezionato una equipe di ricercatori altamente qualificati ed utilizziamo i più sofisticati sistemi informatici per l’archiviazione e l’elaborazione dei dati.

Tuttavia, anche nel XXI secolo, il più valido strumento di cui disponiamo è l’esperienza formatasi, in oltre sessant’anni di studio e di appassionata ricerca, nell’arco di tre generazioni»

Share by: